Chi siamo

 

Il Nuovo Teatro San Prospero è un’associazione culturale nata in funzione della gestione dello storico cinema – teatro reggiano Teatro San Prospero.

Platea 2 (1)
L’associazione vede al suo interno professionisti del settore ed esperti nelle diverse mansioni che servono per sorreggere un’azienda culturale e formativa.
L’obiettivo preposto, ovvero aprire il teatro alla città e ridare lustro a questa realtà è stato raggiunto dopo solo i primi due anni di attività. L’abbiamo raggiunto cercando di ascoltare e soddisfare le esigenze dei nostri concittadini, offrendo una programmazione eterogenea e mescolando diverse discipline nonché attività.

teatro 003L’attività didattica, da sempre impronta del teatro è il punto di forza con oltre 140 allievi per i laboratori proposti in teatro, oltre a diversi progetti organizzati e realizzati in altre sedi o direttamente presso gli istituiti scolastici.

ManifestoFinaleProsaVista la positiva e puntale risposta del pubblico, i nostri cartelloni sono diventati la soddisfazione più grande al punto che abbiamo deciso di aggiungere Danza e Scoprire (Saggi conclusivi dei corsi) alle principali rassegne di Prosa, Dialettale e Teatro Ragazzi.
La programmazione che offriamo raggiunge circa i 70 spettacoli a stagione e arriva ad un totale di circa 7000 spettatori.

L’Associazione Nuovo Teatro San Prospero, ha avuto da subito come obiettivo le produzioni. Produrre teatro, produrre cultura si può e soprattutto si deve. Di fatti dopo il debutto dello scorso anno con Prigioniero della seconda strada e lo spettacolo di teatro ragazzi Lupo cattivoa chi!, per questa nuova stagione sono ben cinque le produzioni o coproduzioni: teatro ragazzi, musical commedia e prosa.

Il Nuovo Teatro San Prospero Associazione Culturale, ogni giorno cerca di soddisfare i suoi oltre 160 associati, gli allievi, gli attori e gli spettatori facendoli sentire unici e indispensabili. Questo perché ogni singolo collaboratore per noi davvero è unico è indispensabile.

Breve storia del teatro dagli inizi al cambio gestione

Erano i favolosi anni ’50-’60 quando, come tanti reggiani amano ricordare, merendina in mano, venivano al cinema, al San Prospero, con mamma e papà o con i nonni.
Oggi il Nuovo Teatro San Prospero si è affermato non solo come centro di cultura del dialetto reggiano, ma anche come produttore di spettacoli in italiano, in lingua inglese e francese. É stato il primo “Teatro per le scuole” e il primo ad organizzare Corsi di Formazione Teatrale. A metà degli anni ’70 un nucleo di aspiranti attori, ben deciso a salire sul palcoscenico e a recitare, dà vita alla Compagnia di via Guidelli che tuttora continua la sua attività come Compagnia di Prosa “Nuovo Teatro San Prospero” che ha sede stabile nel teatro. Dal 1977 al 1985 dirige la compagnia Maria Grazia Busani e la scelta si sposta verso testi classici come i capisaldi del teatro goldoniano (“La Locandiera” “La Bottega del caffè” e “La Vedova scaltra”), con Molière (“La Scuola delle mogli”) e G.B. Shaw (“La Miliardaria”).
La stagione 85-86 delinea un altro passaggio importante per la compagnia perché, dalla commedia si passa al teatro drammatico sotto la direzione di Ivo Guerra a cui nel 1986 subentra Alberto Cottafavi, regista diplomato all’Accademia d’Arte Drammatica dei Filodrammatici di Milano. Inizia così una serie di allestimenti importanti, apprezzati da pubblico e critica come “Il Borghese gentiluomo” di Molière “L’Annuncio a Maria” di Paul Claudel, “Sarto per signora” di G. Feydeau. Nel 1991 la Compagnia diventa professionistica e porta sul palcoscenico diverse produzioni che vanno da G.C. Croce a Harold Pinter, a A. De Benedetti, C. Goldoni ,Tito Maccio Plauto, E. Jonesco, Molière, Shakespeare” di U. Betti ed anche diverse commedie scritte dal regista Alberto Cottafavi che ne cura la direzione artistica fino al 2011

Dal 2015 Matteo Bartoli, subentrato ad Alberto Cottafavi come direttore artistico del teatro, ha dirottato la linea verso un teatro più fresco miscelando tradizione e rinnovamento.